Chi siamo

Il Consorzio di Concessionari Auto Doc Ricambi Originali Toscana-Liguria comincia a prendere forma nel Luglio 2008 per iniziativa di un gruppo di concessionari della provincia di Pistoia. Il nucleo dei soci fondatori era costituito da 11 concessionarie che, dopo una fase di pianificazione dell'attività e di preparazione del campo, hanno visto partire l'attività di distribuzione il 1° Aprile 2009 sulla provincia di Pistoia.

Esattamente un anno dopo, vale a dire il 1° Aprile 2010, il Consorzio è andato ad ampliare la sua attività anche sulla provincia di Lucca grazie all'ingresso di 7 nuovi soci. Il 2011 ha rappresentato poi il periodo di maggiori adesioni: a maggio, nove concessionarie estendono il servizio alle province di Massa e La Spezia, mentre a novembre si completa la linea costiera con l'adesione di altri sette dealer della Versilia. A ottobre 2012 il Consorzio si allarga anche verso la zona della Garfagnana.

Oggi la distribuzione di ricambi originali di quasi tutte le marche automobilistiche è garantita su quattro province grazie al lavoro di 9 furgoni, 13 addetti e 43 concessionarie con 58 punti di ritiro. In pratica ogni giorno le 439 officine affiliate e le 226 autocarrozzerie possono ordinare i ricambi originali e riceverli in giornata senza alcun costo.

Attualmente la carica di presidente del Consorzio è ricoperta da Fabrizio Guidi mentre il responsabile della struttura è Leo Mollica.

  • AsConAuto: appello ad agire insieme
    3 aprile 2020 - Dopo i drammatici dati delle immatricolazioni auto, che hanno registrato a marzo una flessione di circa l'86 per cento, il mondo automotive lancia un grido d'allarme per l'intera filiera. Fabrizio Guidi, presidente di AsConAuto, rileva come la rete associativa dei Consorzi di Concessionari stia mantenendo, finché sarà possibile, il proprio servizio...

  • Unrae, per l'auto un piano di protezione
    1 aprile 2020 - Tre miliardi di euro in 18-24 mesi per ripartire. È la cifra quantificata da Unrae, alla luce di quel -85,6 per cento a quota 28.326 unità registrato a marzo dal mercato auto in Italia, per rimettere in carreggiata il settore. Settore che rappresenta circa il 10 per cento del Pil e che vede a rischio il 15-20 per cento degli attuali 150mila addetti. Secondo...

  • Coronavirus: il caso Toyota
    30 marzo 2020 - Per capire quello che potrebbe accadere alle case costruttrici del settore automotive in seguito all’emergenza per il coronavirus, può essere esemplare prendere come riferimento il caso della Toyota, secondo produttore mondiale di autoveicoli. Ebbene, il marchio giapponese ha richiesto alle banche del proprio Paese l'apertura di una linea...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK