Automotive: task force e incentivi

Il 2020 è stato un anno nero per il settore auto, ma la transizione ecologica in Italia sembra avviata e nel febbraio 2021 per la prima volta le vetture ibride hanno superato quelle diesel. Ora serve un piano strategico che permetta il rilancio del settore per una mobilità sostenibile con nuovi strumenti di politica industriale, incentivi strutturali per il rinnovo del parco, diffusione delle infrastrutture di ricarica e riforma fiscale sull'auto.

Concordano su questo le principali associazioni del comparto automotive, Anfia, Unrae e Federauto, che chiedono al governo una task force pubblico-privato per accelerare. Secondo le associazioni di settore, sarebbe necessario rifinanziare gli incentivi che hanno sostenuto il mercato e le aziende, con positivi effetti ambientali, perché i fondi, soprattutto quelli per le fasce più virtuose, dopo Pasqua saranno esauriti.



  • Rapporto Aniasa, (quasi) niente di buono
    18 giugno 2021 - Frena la mobilità a noleggio e in sharing: crollano il breve termine e l'auto condivisa, tiene il lungo termine. È l'estrema sintesi del 20° Rapporto Aniasa, stato dell'arte dei servizi della mobilità. Il rent-a-car è stato fortemente penalizzato dalla scomparsa dei viaggi e in particolare del turismo internazionale; quello nazionale, riattivatosi...

  • Commerciali: no incentivi, no party
    16 giugno 2021 - Esaurito il contributo degli incentivi governativi, il mercato dei veicoli commerciali in maggio segna una stagnazione con 17.750 unità immatricolate rispetto alle 17.826 dello stesso mese 2019 (-0,4 per cento, il confronto con il 2020 rimane ancora non attendibile). I primi 5 mesi, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae...

  • Rc Auto, premi al ribasso
    14 giugno 2021 - Il calo progressivo dei premi Rc Auto - nel primo trimestre 2021 assestato su un valore medio di 367 euro (-6,3 per cento su base annua) - sta riducendo la forbice tra Nord e Sud Italia. Secondo l'ultimo bollettino Ivass, anche se i "prezzi risultano fortemente differenziati tra le province", come rileva il presidente Signorini, "si fa meno profondo...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK