Eco-manutenzione: si può fare

Potrebbero passare anni, addirittura decenni prima di riuscire a centrare gli obiettivi Ue in materia di riduzione di CO2 e altre emissioni inquinanti. A lanciare l'allarme è Jacques Rifflart, presidente dell'Association Eco Entretien (AEE) che raggruppa i professionisti post-vendita automobilistici francesi ed europei, che ha diffuso i risultati di uno studio secondo cui occorrerebbero 40 anni per arrivare, in Francia, a un parco circolante completamente 'verde', anche immatricolando, e siamo nel campo delle ipotesi, un milione di veicoli elettrici ogni 12 mesi.

"Se i francesi usano ancora la loro auto con motore benzina o diesel", ha detto Rifflart, "è perché ne hanno bisogno. Se non la cambiano, non è per ribellione, è semplicemente perché non possono permetterselo". Fermo restando la difficoltà a diventare 'verdi' soltanto attraverso l'acquisto e l'uso di modelli 100% elettrici, anche con incentivi statali, Rifflart ritiene si debba agire sulla manutenzione dei milioni di auto e di mezzi commerciali che circolano sulle strade.

Ed ecco il principio della eco-manutenzione, sancito da una legge francese e consultabile tra i documenti della nostra Camera dei Deputati. Punto centrale dell'eco-manutenzione è la sistematica analisi dei gas di scarico, che permette di stabilire una diagnosi, identificare le cause dell'inquinamento dei veicoli e trattarle. Un veicolo sottoposto a screening e quindi manutenuto sotto l'etichetta di manutenzione ecologica è un veicolo che può ridurre il suo consumo di carburante e quindi di emissione di CO2 di quasi il 10 per cento, di NOX fino al 50 e di particolato dell'80 per cento.

A questo scopo l'Association Eco Entretien ha lanciato l'etichetta Eco Maintenance che punta a trasferire a tutta la filiera dei controlli e della manutenzione il forte impegno da parte dei professionisti post-vendita per contribuire con interventi rapidi, economicamente sostenibili e attuabili sulla maggioranza dei veicoli in circolazione alla riduzione delle emissioni di CO2.

  • Rapporto Aniasa, (quasi) niente di buono
    18 giugno 2021 - Frena la mobilità a noleggio e in sharing: crollano il breve termine e l'auto condivisa, tiene il lungo termine. È l'estrema sintesi del 20° Rapporto Aniasa, stato dell'arte dei servizi della mobilità. Il rent-a-car è stato fortemente penalizzato dalla scomparsa dei viaggi e in particolare del turismo internazionale; quello nazionale, riattivatosi...

  • Commerciali: no incentivi, no party
    16 giugno 2021 - Esaurito il contributo degli incentivi governativi, il mercato dei veicoli commerciali in maggio segna una stagnazione con 17.750 unità immatricolate rispetto alle 17.826 dello stesso mese 2019 (-0,4 per cento, il confronto con il 2020 rimane ancora non attendibile). I primi 5 mesi, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae...

  • Rc Auto, premi al ribasso
    14 giugno 2021 - Il calo progressivo dei premi Rc Auto - nel primo trimestre 2021 assestato su un valore medio di 367 euro (-6,3 per cento su base annua) - sta riducendo la forbice tra Nord e Sud Italia. Secondo l'ultimo bollettino Ivass, anche se i "prezzi risultano fortemente differenziati tra le province", come rileva il presidente Signorini, "si fa meno profondo...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK