Dati alla mano, per l’auto il 2020 sarà un
annus horribilis: il peggiore da inizio secolo

In due mesi il crollo medio è stato dell'80 per cento, con 370mila prime iscrizioni di veicoli in meno, 300mila delle quali auto: una condizione che porterà il mercato delle quattro ruote a toccare il livello più basso mai registrato da inizio secolo. È questo lo scenario delineato da Aci che auspica per il mese di maggio un quadro più roseo, anche grazie alla ripartenza della produzione di alcuni brand di componenti e concessionari.

Complessivamente, si stima che, nel 2020, le prime iscrizioni di veicoli nuovi di fabbrica scenderanno al di sotto degli 1,6 milioni rilevati nel 2013, anche a causa della contrazione del potere di acquisto generato dalle pesanti ripercussioni economiche che illockdown ha avuto sulle famiglie.

A monte del rinvio della corsa agli acquisti di nuove auto, anche l'attesa dell'erogazione di incentivi da parte del Governo, come richiesto a gran voce da tutti gli operatori del settore. Le Regioni più penalizzate nel corso di questo che è stato definito un annus horribilis per il mondo dell'auto, saranno quelle del Sud che, già oggi, presentano un indice trasferimenti/prime iscrizioni notevolmente più elevato rispetto alla media nazionale di 1,6 (3,6 acquisti di auto usate per ogni acquisto di auto nuove), e dove le autovetture Euro 0-1-2-3 costituiscono il 44,5 per cento (media Italia 32,5 per cento).

Pesanti saranno anche le conseguenze per l'ambiente: aumenterà, infatti, l'età media delle autovetture in circolazione, oggi pari a 11 anni e 5 mesi. La frenata causata dalla pandemia riguarda anche le auto ibride ed elettriche mentre risalgono le iscrizioni per le vetture alimentate a gasolio. Nel 2019 sono stati spesi 155 miliardi di euro, sostanzialmente in linea con l'anno precedente (+0,3 per cento a prezzi costanti).

L'esborso maggiore è rivolto all'acquisto (49 miliardi), poi al carburante (39 miliardi) e alla manutenzione (26 miliardi). Anche la componente fiscale dei trasporti, lo scorso anno pari a 65 miliardi di euro, è risultata in linea con il 2018: l'entrata maggiore per l'erario è stata per la vendita dei carburanti (circa 35 miliardi), seguono l'Iva per l'acquisto del veicolo (circa 8,5 miliardi), e la tassa automobilistica (6,7 miliardi).

  • DL Agosto, si può fare di meglio
    14 agosto 2020 - Bene il rifinanziamento degli incentivi e gli importi parzialmente maggiorati, male il ritardo e la ripartizione dei fondi fra le varie fasce di emissioni di anidride carbonica. È questo, in sintesi, il giudizio di Unrae sul cosiddetto DL Agosto appena approvato dal Governo. Esaurito nel giro di una settimana lo stanziamento dei primi 50 milioni, il plafond è...

  • Incidenti, meno vittime ma più giovani
    12 agosto 2020 - Mai così pochi, mai così giovani. Secondo il Rapporto Istat 2019, le persone rimaste uccise in un incidente stradale sono state 3.173 (con 241.384 feriti), il numero più basso degli ultimi dieci anni; per contro, sono aumentati i morti tra i giovani di età compresa tra 20 e 29 anni e ci sono state ancora 35 vittime tra gli zero e i 14 anni, uno...

  • Una settimana in coda
    10 agosto 2020 - Incolonnati per 38 ore l'anno. È quello che fanno gli automobilisti italiani principalmente per due motivi: l'insufficienza del numero di mezzi pubblici presenti nelle nostre aree urbane che costringe tantissimi pendolari a usare i mezzi privati, e il grave deficit infrastrutturale che caratterizza il nostro Paese. Lo sostiene la Cgia di Mestre citando...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK