Tamponamenti: l'assistenza alla frenata
riduce quasi della metà gli incidenti

C'è un fenomeno che da molti anni miete vittime nel nostro Paese e che per essere debellato richiede il lavoro congiunto e coordinato delle Autorità e delle industrie. È quello della pericolosità delle strade, dove ogni anno ci sono 3.173 vittime (morti entro 30 giorni dall'evento) e 241.384 feriti ospedalizzati, con conseguenze facilmente immaginabili per il sistema sanitario e i costi sociali.

È quanto è emerso nel corso della presentazione dello studio di Bosch e Automobile Club d'Italia  - realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo di ACI in collaborazione con il Politecnico di Torino - che dimostra l'efficacia del sistema di assistenza alla frenata, uno degli ADAS (Advanced Driver Assistance Systems), ovvero Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida, più importanti, negli incidenti per tamponamento.

Già nel 2019 la ricerca Bosch-ACI aveva evidenziato anche come i veicoli dotati di ADAS siano coinvolti in un incidente 5,7 volte ogni milione di chilometri, mentre quelli che sono sprovvisti di tali moderne tecnologie di assistenza alla guida vengono coinvolti fino a 15 volte ogni milione di chilometri percorsi. Inoltre, nello studio dello scorso anno, era stato evidenziato come il sistema di assistenza alla frenata riducesse fino al 38 per cento le probabilità in meno di essere coinvolti in un incidente stradale rispetto alle auto che ne sono sprovviste.

La ricerca del 2020 rappresenta un ulteriore passo in avanti, restringendo il campo d'indagine agli incidenti per tamponamento e al ruolo svolto dall'assistenza alla frenata. La riduzione dei sinistri per tamponamento nei veicoli con meno di 3 anni è stimata al 45 per cento, che significa che quasi 1 tamponamento su 2 viene evitato grazie a tale tecnologia. Un dato non trascurabile, questo, se si considera che gli incidenti per tamponamento rappresentano circa un terzo del totale.



  • Novembre: mercato auto ancora in rosso
    2 dicembre 2020 - Di nuovo in rosso il mercato dell'auto in Italia a novembre. Finito l'effetto degli incentivi estivi, dopo un ottobre già negativo, le immatricolazioni di veicoli nuovi scendono in modo allarmante a 138.405 unità, in calo dell'8,3 per cento rispetto alle 151.001 dello stesso periodo 2019. Il tutto in considerazione del giorno lavorativo...

  • Il 10 dicembre è Futurmotive
    30 novembre 2020 - L'arena non può che essere digitale, ma relatori e contenuti sono un invito a iscriversi: il 10 dicembre a partire dalle 9.30, all'interno di Autopromotec, va in scena Futurmotive. Il format scelto dagli organizzatori ricalca quello del modello televisivo. "Per cercare di catturare al meglio l'attenzione degli operatori del settore", ha detto l'AD Renzo...

  • Autoriparazione, normalità solo a metà 2021
    27 novembre 2020 - Ancora lontana la ripresa dalla pandemia per il settore dell'assistenza auto. Soltanto il 14 per cento delle officine di autoriparazione prevede di ripristinare l'attività di officina ai livelli pre-Covid già entro la fine del 2020. C'è poi un 20 per cento delle officine che pensa a un ritorno alla normalità nel corso del primo trimestre del 2021 e un 28 per cento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK