Autofficina Giorgini, Daniele: “Solo un
pazzo non userebbe i servizi del Doc”

"Chi non usa il Doc non so proprio come faccia: solo un pazzo potrebbe rinunciarci". Non utilizza davvero mezzi termini Daniele Giorgini, titolare dell'Autofficina Giorgini di Pistoia, per descrivere il proprio entusiasmo e la propria soddisfazione per il servizio offerto dal Doc Toscana-Liguria.

"Sono diventato cliente fin dalla sua nascita - racconta il trentottenne autoriparatore toscano -. Mi pare proprio di essere stato uno dei primi in assoluto a crederci, e non me ne sono mai pentito". E le ragioni di questa soddisfazione sono presto spiegate: "Prima se ci serviva un pezzo di ricambio dovevamo prima ordinarlo e poi andarcelo a prendere, percorrendo a volte anche decine e decine di chilometri per raggiungere le diverse concessionarie: insomma, uno spreco di tempo enorme. In questo senso la differenza con il servizio offerto dal Doc ToLi è abissale: con loro basta ordinare e il ricambio ti arriva a casa in men che non si dica".

Tra l'altro, la filosofia che guida l'attività del Consorzio si è incrociata perfettamente con un altro punto fermo del lavoro di Daniele, ovvero l'uso dei ricambi originali. "Io li consiglio sempre ai miei clienti, lo faccio per abitudine. Certo, a volte preparo anche un secondo preventivo con i prezzi dei ricambi di concorrenza, e questo perché alla fine a decidere è sempre il cliente in base alle proprie esigenze economiche".

Una modalità di azione questa, che sembra aver dato frutti molto buoni, visto che l'attività dell'Autofficina Giorgini non solo va avanti ininterrottamente dal lontano 1983, ma nel corso degli anni si è anche ingrandita. "L'azienda è stata fondata da mio padre, e svolgeva solo attività di officina meccanica. Poi nel 2000 abbiamo aggiunto il reparto gomme e dal 2014 siamo anche Centro revisione autorizzato".

Una crescita imprenditoriale che è coincisa sempre anche con un'attenzione all'innovazione tecnologica, per non restare mai indietro con i tempi e poter offrire ai clienti un servizio sempre adeguato ed efficiente.

"In questo senso - sottolinea Daniele - ultima arrivata è una moderna attrezzatura che serve a ricalibrare i cosiddetti sistemi Adas. Parliamo di quegli apparati elettronici, sempre più diffusi, che permettono ad esempio il controllo autonomo delle frenate d'emergenza, oppure l'uso di telecamere e sensori per il parcheggio, ecc. Ebbene, può capitare - spiega ancora Daniele - che in seguito a urti o incidenti, questi sistemi possano stararsi e, con la nostra moderna attrezzatura, procediamo alla loro ricalibratura".

Insomma, un'officina al passo con i tempi che promette di rimanere ben salda sul mercato, ovviamente sempre in compagnia del Doc



  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK