Muoversi ai tempi del Covid: l’auto privata
simbolo di prudenza e responsabilità

Le automobili sono il mezzo scelto dagli italiani nell'attuale situazione pandemica: oltre un italiano su due (56,7 per cento) sceglie di spostarsi in auto perché  la ritiene il mezzo più sicuro con cui muoversi (66,6 per cento), un dato significativo che registra una crescita del 22,5 per cento rispetto all'anno precedente. E i rilevamenti statistici vedono prevalentemente le donne al volante (61,8 per cento) perché le 'quattro ruote' private - e non in sharing - sono percepite oggi nel contesto pandemico come sinonimo di prudenza e responsabilità.

È quanto riferisce l'edizione 2020 dell'Osservatorio Mobilità e Sicurezza di Continental presentato a Milano. Le indagini realizzate da Euromedia Research e da Ernst & Young evidenziano una situazione che trova la propria spiegazione nel sentimento di paura che accompagna gli italiani, inducendo anche coloro che prima della pandemia si spostavano solo con i mezzi pubblici a scegliere la propria automobile.

Le persone che hanno modificato maggiormente le proprie abitudini sono gli over 65, ovvero i più esposti ai gravi pericoli del virus (il 65 per cento degli italiani che si sposta in auto sono over 65). I mezzi pubblici, d'altra parte, continuano a essere comunque utilizzati, ma solo da due italiani su cinque (il 22,5 per cento) e solo il 2,7 per cento si sente sereno nel farlo. Biciclette, monoruota e monopattini sono il mezzo di trasporto scelto solo dal 3,4 per cento degli intervistati, residenti prevalentemente nelle grandi città.

Sono circa tre italiani su dieci (34,3 per cento) ad aver cambiato le proprie abitudini di mobilità: il 39,2 per cento lo ha fatto per paura dei mezzi pubblici, l'11,4 per cento per la paura dell'affollamento dei treni, il 10 per cento per la paura di uscire di casa. A fronte di questo 60,6 per cento che dichiara di aver cambiato le proprie abitudini per 'paura', il 31,2 per cento degli intervistati riconduce la drastica riduzione del proprio bisogno di mobilità a delle cause oggettive come lo smartworking o il ritorno alle proprie terre d'origine, definito southworking.



  • Novembre: mercato auto ancora in rosso
    2 dicembre 2020 - Di nuovo in rosso il mercato dell'auto in Italia a novembre. Finito l'effetto degli incentivi estivi, dopo un ottobre già negativo, le immatricolazioni di veicoli nuovi scendono in modo allarmante a 138.405 unità, in calo dell'8,3 per cento rispetto alle 151.001 dello stesso periodo 2019. Il tutto in considerazione del giorno lavorativo...

  • Il 10 dicembre è Futurmotive
    30 novembre 2020 - L'arena non può che essere digitale, ma relatori e contenuti sono un invito a iscriversi: il 10 dicembre a partire dalle 9.30, all'interno di Autopromotec, va in scena Futurmotive. Il format scelto dagli organizzatori ricalca quello del modello televisivo. "Per cercare di catturare al meglio l'attenzione degli operatori del settore", ha detto l'AD Renzo...

  • Autoriparazione, normalità solo a metà 2021
    27 novembre 2020 - Ancora lontana la ripresa dalla pandemia per il settore dell'assistenza auto. Soltanto il 14 per cento delle officine di autoriparazione prevede di ripristinare l'attività di officina ai livelli pre-Covid già entro la fine del 2020. C'è poi un 20 per cento delle officine che pensa a un ritorno alla normalità nel corso del primo trimestre del 2021 e un 28 per cento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK