Guida autonoma: per garantire “intelligenza”
e sicurezza bisognerà puntare tutto sul 5G

Anche se non se ne parla con la stessa frequenza di una volta, il settore dell'automotive è ancora in fermento per gli sviluppi della guida autonoma. Più che i produttori veri e propri, sono due gli elementi che stanno accelerando tale contesto. Il primo riguarda le collaborazioni tra aziende automobilistiche tradizionali e tecnologiche, come Nvidia e Ibm.

Il secondo è strettamente collegato all'avvento della rete 5G, la sola che può garantire ai veicoli senzienti di comportarsi meglio degli umani all'interno del traffico cittadino e per le strade a scorrimento veloce. Anzi, sembra che un certo ritardo nei test (soprattutto negli Stati Uniti) con mezzi autonomi dipenda proprio dall'attesa del 5G, le cui antenne sono già attive per sperimentazioni di business ma non con un'estensione tale da coprire percorsi ampi che facciano da sfondo a prove sul campo vicine alla realtà.

In altri termini, con un paragone che ci tocca da vicino, se una metropoli italiana fosse interamente supportata dal 5G, i test nella cerchia sarebbero utili ma non del tutto definitivi per capire come si comporta l'automobile in ogni possibile situazione di guida. Il motivo per cui senza 5G è molto difficile finalizzare le analisi sulla guida autonoma è che l'attuale rete 4G è abbastanza veloce per lavorare, effettuare streaming audio e video in alta qualità, giocare online, ma non può assolutamente supportare quella mole di dati, in ingresso e in uscita, di cui un sistema di guida necessita.

Il 4G semplicemente non è idoneo a fornire ai computer di bordo quei "riflessi" che permettono ad un umano di evitare un incidente, cambiare direzione all'ultimo secondo, fermarsi prima dell'irreparabile. Più basso è il tempo che intercorre tra l'invio di un comando, automatico o manuale, e l'esecuzione del comando stesso, e più la tecnologia saprà rispondere in tempo reale a varie esigenze. La parola chiave è quindi "reattività": il 5G ci consentirà di sfruttare tutto il potenziale delle tecnologie avanzate come l'intelligenza artificiale, la realtà virtuale e l'Internet of Things (IoT), utilizzando centinaia di sensori piazzati nelle aziende, lungo le strade, all'interno del veicolo.



  • Novembre: mercato auto ancora in rosso
    2 dicembre 2020 - Di nuovo in rosso il mercato dell'auto in Italia a novembre. Finito l'effetto degli incentivi estivi, dopo un ottobre già negativo, le immatricolazioni di veicoli nuovi scendono in modo allarmante a 138.405 unità, in calo dell'8,3 per cento rispetto alle 151.001 dello stesso periodo 2019. Il tutto in considerazione del giorno lavorativo...

  • Il 10 dicembre è Futurmotive
    30 novembre 2020 - L'arena non può che essere digitale, ma relatori e contenuti sono un invito a iscriversi: il 10 dicembre a partire dalle 9.30, all'interno di Autopromotec, va in scena Futurmotive. Il format scelto dagli organizzatori ricalca quello del modello televisivo. "Per cercare di catturare al meglio l'attenzione degli operatori del settore", ha detto l'AD Renzo...

  • Autoriparazione, normalità solo a metà 2021
    27 novembre 2020 - Ancora lontana la ripresa dalla pandemia per il settore dell'assistenza auto. Soltanto il 14 per cento delle officine di autoriparazione prevede di ripristinare l'attività di officina ai livelli pre-Covid già entro la fine del 2020. C'è poi un 20 per cento delle officine che pensa a un ritorno alla normalità nel corso del primo trimestre del 2021 e un 28 per cento...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK