Febbraro: “In questi anni volumi cresciuti
grazie alla logistica impeccabile del Doc”

Nell'ambito dei festeggiamenti per i 10 anni del Doc Toscana-Liguria, Ignazio Febbraro, responsabile service della concessionaria Volkswagen-Audi Brotini Spa di Massa e membro del Cda del Consorzio che ha contributo a lanciare in zona, ha rilasciato una breve intervista, il cui contenuto vi riportiamo di seguito.

Senta Febbraro, innanzitutto partiamo dai festeggiamenti. Come li giudica?

Sicuramente una serata splendida. Aggiungere un aggettivo significherebbe deprezzare tutta la festa. La partecipazione è notevole, con gli invitati che sono raddoppiati rispetto al precedente evento.

Parliamo ora della sua concessionaria: chi rappresenta?

La nostra concessionaria rappresenta 4 marchi: Volkswagen, Audi, Skoda e veicoli commerciali. Io sono rappresentante service da circa 20 anni in questa azienda. Un lavoro che tra l'altro faccio da sempre: ho iniziato prima in Calabria, poi a Pisa tre anni per passare quindi a Massa.

Ma alla pensione ci pensa mai?

No, non ci penso mai, perché questi marchi mi hanno dato grandi soddisfazioni e vorrei continuare ancora per lungo tempo a operare per loro.

Sono solo i marchi, o anche i clienti a dare quelle soddisfazioni di cui parla?

Innanzitutto i marchi, ma poi anche i clienti perché se diamo loro servizi adeguati loro fanno business, e permettono a noi di fare volumi non indifferenti. Il tutto grazie anche al Doc e la sua logistica

Oggi senza Doc è inimmaginabile lavorare?

Impossibile, perché nel corso degli anni i volumi sono cresciuti proprio grazie alla logistica impeccabile. Lo dico da responsabile service e anche da membro del consiglio di amministrazione del Consorzio.

A questo proposito, cosa significa stare nella stanza dei bottoni del Consorzio?

Non è assolutamente facile perché abbiamo la responsabilità di tutti i concessionari e di tutti i soci che ci danno mandato e fiducia per gestire il business di cinque province: Pistoia, Lucca, Massa Carrara, La Spezia e ora ci stiamo avvicinando anche a Genova.

Come si fa a trovare sempre l'accordo?

L'accordo si trova perché tra noi, nell'ambito del settore service, non c'è mai una concorrenza spietata, cosa che capita invece nell'ambito del commerciale quando si vendono autoveicoli. Nella fornitura di ricambi originali, e sottolineo originali, questa concorrenza non c'è e anzi, tra noi ci si aiuta sempre, ci si coordina, soprattutto quando un concessionario ha bisogno di un altro per il ripristino dell'usato. Quindi addirittura si riesce a sviluppare un business tra concessionari stessi.

Senta, in conclusione, partendo dalla sua concessionaria, il futuro come lo vede?

La nostra concessionaria per fortuna riesce sempre a sviluppare un ottimo business a livello commerciale, quindi il circolante che riesce a immettere sul mercato è sempre rilevante da un anno all'altro. Abbiamo quindi poi l'onere di assistere i nostri clienti, carrozzieri e ricambisti, che operano nella nostra zona.        



  • Sicurezza stradale: quanto conta la vista!
    11 ottobre 2019 - Se alle visite per il rinnovo della patente di guida si misurassero tutti i parametri legati alla vista e non solo l'acuità visiva si potrebbero risparmiare 800 morti e 4500 feriti l'anno, oltre ad almeno 4 miliardi di spese. Lo ha detto, durante un incontro in occasione della Giornata mondiale della vista a Roma, Raffaele Sangiulo, Presidente...

  • Euro NCAP, BMW batte tutti
    9 ottobre 2019 - Cinque stelle per le Serie 1 e 3 della BMW, quattro per Peugeot 208 e Jeep Cherokee. Sono i risultati della sesta serie di test Euro NCAP 2019, il progetto internazionale di valutazione degli standard di sicurezza delle auto nuove di cui è partner l'Automobile Club d'Italia. Regina indiscussa BMW Serie 3, che ha conquistato i punteggi massimi nelle prove...

  • Auto connessa: un business da 60 miliardi
    7 ottobre 2019 - Secondo i risultati di un recente studio condotto da Bain Italia per Aniasa si stima che il mondo legato all'auto connessa valga oggi globalmente più di 60 miliardi di euro e se ne prevede una crescita a tripla cifra (+260 per cento) nei prossimi otto anni. Nei prossimi 3-4 anni si prevede saranno consegnati 125 milioni di auto connesse...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK