Patente di guida: circa 6 milioni di italiani
bocciati almeno una volta all’esame

Il periodo che segue la fine della scuola è spesso, per i neo diciottenni, quello dedicato all'esame di guida; ma se è vero che oggi il 95 per cento degli italiani di età compresa fra i 18 ed i 74 anni ha la patente, non sempre questa arriva al primo tentativo. Grazie all'aiuto di un sondaggio condotto per Facile.it (https://www.facile.it) dall'Istituto mUp Research in collaborazione con Norstat, si è scoperto che gli automobilisti italiani che hanno ripetuto almeno una volta l'esame di guida sono oltre 6.200.000.

Dalle risposte date dal campione, rappresentativo della popolazione italiana di età compresa fra i 18 ed i 74 anni in possesso di patente, è emerso che la vera bestia nera per chi cerca di conseguire la patente è l'esame pratico. Se sono stati costretti a ripetere la teoria poco meno di 2.900.000 automobilisti, quando si guarda alla seconda prova, quella su strada, il numero dei bocciati sale fino a superare i 3.460.000. C'è, infine, un nutrito sottoinsieme di guidatori, circa 216.000, che prima di potersi mettere al volante hanno dovuto ripetere sia la teoria sia la pratica.

Facile.it ha voluto indagare ancora più nel dettaglio e non si è accontentata di chiedere solo se si fosse stati costretti a ripetere l'esame, ma anche quante volte. Ecco quindi che si è saputo che sono circa 1.660.000 gli automobilisti che hanno ripetuto una sola volta la prova, oltre 4.000.000 quelli che hanno rifatto l'esame due volte, poco più di 505.000 i patentati che per tre volte si sono presentati al cospetto dell'esaminatore prima di avere il suo via libera e ben 36.000 quelli che hanno conquistato la patente dopo più di tre tentativi.

Analizzando più da vicino il campione preso in esame si è potuto verificare quali fossero le differenze fra uomini e donne, ma anche fra chi risiede nelle diverse aree del Paese. Se a livello complessivo i bocciati almeno una volta all'esame della patente sono il 17,7 per cento del totale, fra gli uomini la percentuale scende al 15 per cento, mentre sale fino a raggiungere il 20,4 per cento fra le donne. Tra gli uomini che hanno dovuto ripresentarsi all'esame il 64,7 per cento lo ha fatto due volte, percentuale alta, ma comunque inferiore anche questa volta rispetto a quella del campione femminile, pari addirittura al 67,2 per cento.

Andando invece a leggere i dati in chiave geografica, gli automobilisti che più spesso sono stati bocciati all'esame di guida sono quelli che risiedono al Centro Italia dove ben il 20,8 per cento dei patentati ha dovuto ripresentarsi almeno una volta. A seguire gli automobilisti del Nord Ovest (19,3 per cento) e quelli del Nord Est (16,8 per cento).  In ultimo una curiosità; la gestione di una famiglia, a quanto pare, distrae dallo studio e se fra chi fa parte di una famiglia da due o più elementi le percentuali di bocciati oscillano fra il 16,5 per cento ed il 22,6 per cento, tra i single hanno ripetuto l'esame solo il 16,6 per cento dei patentati.



  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK