Problemi con il computer di bordo: chiesto
il richiamo di 158mila modelli Tesla

In un periodo in cui, a causa della pandemia da Covid-19, il mercato dell'auto, così come altri settori industriali, attraversa una delle sue crisi produttive più drammatiche, ci mancavano anche i richiami per difetti di costruzione. A incappare in questa ulteriore difficoltà, come se già non bastassero quelle prodotte dal coronavirus, è uno dei marchi simboli dell'innovazione tecnologica e di quello che potrà essere l'automotive del futuro, ovvero Tesla.

L'agenzia americana per la sicurezza stradale Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) ha chiesto infatti alla casa automobilistica guidata dall'imprenditore Elon Musk, di richiamare 158mila modelli negli Stati Uniti per una questione di sicurezza legata all'esaurimento della memoria nel computer di bordo, in particolare nel sistema di infotainment.

Le auto interessate sono le berline Model S prodotte tra il 2012 e il 2018 e i suv da città Model X prodotti dal 2016 al 2018, secondo una lettera inviata al produttore di veicoli elettrici. Il regolatore afferma che la sua indagine "ha concluso che nei modelli esaminati esiste un difetto relativo alla sicurezza". La memoria dei computer di bordo, in particolare il sistema di infotainment (Mcu), ha un ciclo di vita limitato, il che significa che questo sistema potrebbe non funzionare più correttamente dopo un certo numero di programmi. Questo problema può anche causare l'eliminazione dei cicli di memoria.

"Durante un guasto dell'Mcu lo schermo diventa nero e la telecamera di visione posteriore, anch'essa una telecamera di sicurezza, non è più disponibile per il conducente. Se l'immagine non è più disponibile, aumenta il rischio di incidenti, che possono potenzialmente portare a lesioni o addirittura alla morte", spiega l'Nhtsa. Tra l'altro, questo problema, avverte il regolatore, può anche interessare il pilota automatico, l'assistenza alla guida montata sulle auto Tesla.



  • Rc auto: evasione per un miliardo
    5 marzo 2021 - Sulla base delle stime dell'Ania, l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici, nel 2019 i veicoli non assicurati sono stati pari a circa 2,6 milioni: stiamo parlando del 5,9 per cento del totale dei veicoli circolanti. Si tratta di un dato stabile rispetto al 2018. A fronte di questa media nazionale, questo valore raggiunge il 9,4 per cento...

  • Centri revisione: è boom
    3 marzo 2021 - Un incremento del 32,5 per cento in dieci anni. È in pieno sviluppo la rete delle officine autorizzate a effettuare le revisioni periodiche, che sono passate dalle 6.899 unità del 2011 alle 9.143 del 2020. Il settore delle revisioni rappresenta un comparto chiave all'interno del più ampio panorama dell'aftermarket automobilistico, comparto...

  • Mercato Italia: febbraio ancora in rosso
    1 marzo 2021 - Dopo la caduta del 14 per cento registrata a gennaio, prosegue in Italia anche a febbraio il calo consistente del mercato dell'auto. Nel secondo mese dell'anno le immatricolazioni di autovetture sono state 142.998, con una riduzione del 12,3 per cento rispetto alle 163.124 del febbraio 2020 (mese ancora non coinvolto dal pieno...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK