Uber e Toyota: alleanza da 500 milioni
per il futuro della guida autonoma

Uber scommette sulle bici elettriche e sugli scooter, preferiti alle auto nel lungo termine. Ma non perde di vista i veicoli autonomi e si allea con Toyota. Il colosso giapponese, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, punta a investire 500 milioni di dollari nell'app per auto senza conducente con l'obiettivo di sviluppare insieme vetture senza guidatore.

L'investimento di Toyota valuta Uber 72 miliardi di dollari, una cifra leggermente superiore a quando vi ha investito Softbank all'inizio dell'anno. L'arrivo di Toyota segna un 'rilancio' per il programma di auto autonome di Uber, che ha subito una battuta d'arresto dopo l'incidente mortale in Arizona. Un incidente che ha aperto un dibattito all'interno della società su come procedere e l'ha spaccata.

Con l'investimento di Toyota, il programma può invece ritrovare slancio e a costi più contenuti che non pesino eccessivamente sulle finanze del gruppo. Conti destinati nel breve termine a risentire della scommessa su bici elettriche e scooter. In un'intervista al Financial Times l'amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, spiega come l'inversione di rotta dalle auto alle bici elettriche nel lungo termine pagherà anche se nel breve periodo l'iniziativa avrà un impatto negativo sulla società, che lo scorso anno ha perso 4,5 miliardi di dollari.

"Durante le ore di punta non è efficiente" per un'auto trasportare una persona per 10 isolati: "possiamo cambiare in modo che sia una vittoria per i clienti, una vittoria per le città - spiega Khosrowshahi -. Finanziariamente nel breve termine potrebbe non essere esattamente una vittoria per noi, ma da un punto di vista strategico riteniamo sia quello che vogliamo fare guardando avanti".

Il mercato della mobilità - aggiunge - vale 6.000 miliardi di dollari e non c'è un unico prodotto in grado di soddisfarlo interamente. Khosrowshahi non manca poi di accennare ai progressi compiuti da Uber nel migliorare la propria cultura interna dopo la serie di scandali che si sono succeduti. ''Il lavoro resta incompleto e ci vorranno anni'' ma molti passi in avanti, dice, ci sono stati.



  • Da Ania-Polstrada i kit 'Street control'
    14 dicembre 2018 - Il 6,3 per cento del totale veicoli, con punte del 10 nel sud Italia, circola senza essere assicurato. È il dato allarmante - che riguarda 2,8 milioni di vetture - emerso al convegno nazionale 'La sicurezza stradale: tra esigenze di sicurezza, tecniche investigative e tutela amministrativa', organizzato a Cagliari dalla Polstrada. Da qui il protocollo...

  • Auto elettrica: allarme lavoro
    12 dicembre 2018 - Finora si è sempre parlato dei positivi effetti ambientali legati a un passaggio sempre più massiccio alla mobilità elettrica. Qualcuno però ha cominciato ora a considerare anche quali potranno essere le conseguenze per il mondo dell’industria automotive, e in particolare per quel che concerne l’occupazione. Ebbene...

  • Gomme online: ma l'Iva chi la paga?
    10 dicembre 2018 - Se si acquistano online pneumatici eccessivamente a buon mercato, è molto probabile che il venditore abbia evaso l'Iva. Lo rileva un articolo pubblicato sul Sole 24 Ore, a firma di Anna Abagnale e Benedetto Santacroce, che punta il dito su "certe pubblicità che accennano a vendite in regime di esenzione". Una "concorrenza sleale...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK