Uber e Toyota: alleanza da 500 milioni
per il futuro della guida autonoma

Uber scommette sulle bici elettriche e sugli scooter, preferiti alle auto nel lungo termine. Ma non perde di vista i veicoli autonomi e si allea con Toyota. Il colosso giapponese, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, punta a investire 500 milioni di dollari nell'app per auto senza conducente con l'obiettivo di sviluppare insieme vetture senza guidatore.

L'investimento di Toyota valuta Uber 72 miliardi di dollari, una cifra leggermente superiore a quando vi ha investito Softbank all'inizio dell'anno. L'arrivo di Toyota segna un 'rilancio' per il programma di auto autonome di Uber, che ha subito una battuta d'arresto dopo l'incidente mortale in Arizona. Un incidente che ha aperto un dibattito all'interno della società su come procedere e l'ha spaccata.

Con l'investimento di Toyota, il programma può invece ritrovare slancio e a costi più contenuti che non pesino eccessivamente sulle finanze del gruppo. Conti destinati nel breve termine a risentire della scommessa su bici elettriche e scooter. In un'intervista al Financial Times l'amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, spiega come l'inversione di rotta dalle auto alle bici elettriche nel lungo termine pagherà anche se nel breve periodo l'iniziativa avrà un impatto negativo sulla società, che lo scorso anno ha perso 4,5 miliardi di dollari.

"Durante le ore di punta non è efficiente" per un'auto trasportare una persona per 10 isolati: "possiamo cambiare in modo che sia una vittoria per i clienti, una vittoria per le città - spiega Khosrowshahi -. Finanziariamente nel breve termine potrebbe non essere esattamente una vittoria per noi, ma da un punto di vista strategico riteniamo sia quello che vogliamo fare guardando avanti".

Il mercato della mobilità - aggiunge - vale 6.000 miliardi di dollari e non c'è un unico prodotto in grado di soddisfarlo interamente. Khosrowshahi non manca poi di accennare ai progressi compiuti da Uber nel migliorare la propria cultura interna dopo la serie di scandali che si sono succeduti. ''Il lavoro resta incompleto e ci vorranno anni'' ma molti passi in avanti, dice, ci sono stati.



  • Mercato: tutta Europa in netta frenata
    17 ottobre 2018 - Con il mese di settembre si archivia il terzo trimestre 2018 che si conclude con un fortissimo calo nelle vendite di autovetture nuove nel mercato dell'Europa dei 28+EFTA. Secondo i dati diffusi oggi dall'Acea, l'Associazione dei costruttori europei, le immatricolazioni di autovetture nuove nel mese di settembre 2018 sono state...

  • Bimbi dimenticati in auto? Ti avvisa Tata
    15 ottobre 2018 - Non un vero e proprio seggiolino 'anti-abbandono' - per il quale si sta aspettando l'emanazione del decreto attuativo e della relativa normativa tecnica - ma un cuscino che si annuncia altrettanto efficace. Si chiama Tata ed è un dispositivo hi-tech realizzato dalla startup italiana Filo e presentato alla Maker Faire, la fiera degli artigiani...

  • Commerciali: a settembre crollano vendite
    12 ottobre 2018 - A seguito dei rallentamenti registrati nel mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t) nel corso dell'anno 2018, anche a settembre il mercato dei veicoli da lavoro ha subito un vero e proprio crollo. Secondo le stime elaborate e diffuse dal Centro studi e statistiche Unrae, l'Associazione delle case automobilistiche estere...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK