Volkswagen punta sull’elettrico e in Italia
annuncia una collaborazione con Enel

Volkswagen annuncia piani ancora più importanti per il passaggio alla mobilità elettrica, e contribuire attivamente al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal dell'Unione Europea. Lo ha ribadito Herbert Diess, presidente del consiglio di amministrazione di Volkswagen AG.

"La mobilità elettrica è diventata il nostro core business - ha detto Diess in una conferenza in streaming - e stiamo ora integrando sistematicamente fasi aggiuntive nella catena del valore. Vogliamo assicurarci una pole position a lungo termine nella corsa per la migliore batteria e la migliore esperienza del cliente nell'era della mobilità a emissioni zero".

Una strategia, quella del rapporto con l'utente dei veicoli elettrici, che passa oltre che per l'aumento della produzione di batterie anche per l'aumento dell'autonomia elettrica e l'ottimizzazione del network di ricarica. Insieme ai suoi partner, BP in Gran Bretagna, Iberdrola in Spagna ed Enel in Italia, Volkswagen intende gestire circa 18.000 punti di ricarica rapida pubblici in Europa entro il 2025.

Ciò rappresenta un'espansione di cinque volte della rete di ricarica rapida rispetto ad oggi e corrisponde a circa un terzo della domanda totale prevista su continente per il 2025. Ciò avverrà attraverso una serie di partnership strategiche oltre alla joint venture Ionity. Volkswagen vuole stabilire circa 8.000 punti di ricarica rapida in tutta Europa insieme a BP.

In collaborazione con Iberdrola, Volkswagen coprirà le principali rotte di traffico in Spagna. In Italia, Volkswagen vuole collaborare con Enel per realizzare la rete di ricarica rapida sia lungo le autostrade che nelle aree urbane. Volkswagen investirà circa 400 milioni di euro nel programma europeo nel suo complesso entro il 2025, con ulteriori investimenti a carico di partner esterni.



  • Auto, il digitale crea lavoro
    8 maggio 2021 - Dai progili digitali a quelli più tecnici, l'automotive ha fame di nuove professionalità. Lo sostiene MotorK, provider che vanta diverse partnership con Case auto e concessionari, che stima in circa 10mila i nuovi posti di lavoro che si potrebbero creare solo nella distribuzione auto da qui ai prossimi tre-cinque anni grazie al digitale. Ma quali...

  • Tasse sui veicoli: il tesoretto europeo
    5 maggio 2021 - Ammonta a 398 miliardi di euro il gettito fiscale che arriva nelle casse dei principali Paesi della Ue dalle imposizioni nei confronti delle auto e dei veicoli a motore. Ad essere più "tartassati" sono gli utenti del Belgio che pagano 3.187 euro all'anno per ogni auto, mentre la quota più bassa sui singoli automobilisti tocca agli spagnoli...

  • Un aprile da dimenticare
    3 maggio 2021 - In aprile sono state immatricolate 145.033 autovetture. Un dato da leggere nel confronto non con lo stesso mese dell'anno scorso, quando il lockdown ha portato a targare soltanto 4.295 vetture nuove, ma con aprile 2019, per un calo del 17,1 per cento; percentuale molto simile nel rapporto tra il primo quadrimestre 2021 con quello di due...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni OK